banner
Centro notizie
Ampia conoscenza nella vendita e nella produzione

Daily on Energy: regola dell'EPA sulle centrali elettriche: gli oppositori cercano crepe nell'armatura legale

Jul 10, 2023

Abbonati oggi alla rivista Washington Examiner e ricevi Washington Briefing: storie di politica e politica che ti terranno aggiornato su ciò che accade a Washington. ABBONATI ORA: solo $ 1,00 a numero!

LA LINEA DI ATTACCO CONTRO LA REGOLA SULLE CENTRALI ELETTRICHE: ci si aspetta che gli oppositori della nuova regola sulle centrali elettriche dell'amministrazione Biden mettano alla prova la regola su alcuni fondamenti giuridici chiave, tra cui il precedente delle "domande importanti" stabilito da West Virginia contro EPA, con cui l’amministrazione Biden è fiduciosa che la norma proposta sia conforme.

Lo standard “adeguatamente dimostrato”: la clausola “adeguatamente dimostrata” del Clean Air Act è stata forse la caratteristica più discussa della norma proposta dall’EPA.

Secondo la proposta, la cattura e il sequestro del carbonio, nonché la co-combustione, sono i “migliori sistemi di riduzione delle emissioni” ritenuti adeguatamente dimostrati e su cui l’EPA ha elaborato i propri standard di prestazione per le nuove centrali elettriche alimentate a combustibili fossili e le linee guida sulle emissioni per impianti esistenti.

Per le centrali a carbone a lunga durata, quelle che opereranno fino al 2040 e oltre, il 90% delle loro emissioni di carbonio dovrà essere catturato. Per gli impianti a gas che funzionano con turbine a combustione, l’EPA offre la cattura del 90% della CO2 entro il 2035 come uno dei due percorsi. L'altro è la co-combustione con l'idrogeno.

Matt Leopold, che come consigliere generale è stato il principale avvocato dell’EPA durante l’amministrazione Trump, ha affermato che la scarsità di centrali elettriche che catturano il carbonio su larga scala rende la dipendenza della regola proposta dalla CCS una vulnerabilità.

"L'EPA deve dimostrare che la tecnologia che sta proponendo è fattibile da applicare alle centrali elettriche a combustibili fossili a livello nazionale, non semplicemente in un caso o due casi", ha detto a Jeremy Leopold, ora socio legale dello studio Hunton Andrews Kurt a Washington.

"Il nuovo approccio della CCS e della co-combustione dell'idrogeno penso siano tecnologie emergenti. Potrebbero essere ampiamente adottate in futuro, ma penso che il problema ora sia che l'EPA vuole stabilire ora lo standard sulle nuove tecnologie e per gli impianti esistenti e i nuovi impianti in costruzione", ha aggiunto.

La regolamentazione dell'EPA ha espresso fiducia che sia entro i limiti per fare affidamento su entrambe le soluzioni di riduzione delle emissioni, citando varie sentenze della corte secondo cui adeguatamente dimostrata significa che una tecnologia deve essere "ragionevolmente affidabile" e "ragionevolmente efficiente", nonché efficace nel mitigare l'inquinamento, ma non che sia "deve essere effettivamente utilizzato di routine da qualche parte."

"La giurisprudenza è chiara sul fatto che l'EPA può considerare una serie di misure di controllo come 'adeguatamente dimostrate' indipendentemente dal fatto che le misure siano di uso commerciale diffuso", afferma la norma proposta.

Precedente WV contro EPA: West Virginia contro EPA non ha affrontato la questione se la CCS sia una tecnologia adeguatamente dimostrata. Tuttavia, ha affermato che il "cambio generazionale" del Clean Power Plan è fuori limite perché il Clean Air Act non autorizza l'EPA a ristrutturare efficacemente il mix complessivo della nazione di produzione di elettricità con le norme sulle emissioni, cioè viola la dottrina delle questioni principali.

L’EPA stima che le linee guida proposte causerebbero il ritiro delle centrali elettriche a carbone a un ritmo più rapido rispetto a uno scenario senza di esse.

Alcuni hanno sostenuto che l’EPA prevede l’apertura di centrali a carbone – quelle che chiudono prima sono soggette a normative meno rigorose – e che le chiusure previste equivalgono a un trasferimento di generazione in violazione della sentenza della Corte Suprema.

L'amministratore Michael Regan ha dichiarato il mese scorso, quando l'EPA ha annunciato la sua norma, di essere fiducioso che la norma proposta "non implica le preoccupazioni affrontate dalla decisione della Corte Suprema nel caso West Virginia contro EPA".

Il procuratore generale del West Virginia Patrick Morrisey, il cui ufficio ha guidato il caso contro il CPP dell'era Obama, ha indicato che sta cercando di contestare la nuova norma proposta su questioni importanti.

Benvenuti al Daily on Energy, scritto dagli scrittori di energia e ambiente del Washington Examiner Jeremy Beaman (@jeremywbeaman) e Breanne Deppisch (@breanne_dep). Invia un'e-mail a [email protected] o [email protected] per suggerimenti, suggerimenti, elementi del calendario e qualsiasi altra cosa. Se un amico ti ha inviato questo e desideri iscriverti, clicca qui. Se la registrazione non funziona, inviaci un'e-mail e ti aggiungeremo alla nostra lista.